Cerca
Mondovì
2017-10-18
condividi
Il padre è di Mondovì, la vicenda risale a 7 anni fa
Condannato per abusi sulla figlia di 3 anni,

l’Appello ribalta la sentenza: assolto

MONDOVI’ – Era tutto falso, almeno secondo i giudici che, in Appello, hanno deciso che “il fatto non sussiste”. Lui, il padre, era accusato di fatti terribili, il peggio di cui un genitore può essere accusato: aver abusato sessualmente della propria figlia in età prescolare. La storia processuale riguarda un uomo di Mondovì, di circa

Ulteriori particolari sull'edizione cartacea
Mondovì
2017-10-17
condividi
Incontro proposto dal Comune che lancia l’idea di una sede unitaria
Associazioni di Mondovì: la loro casa nelle ex scuole di piazza d’Armi?

MONDOVI’ – Associazioni cittadine cercano casa. Il Comune propone loro le ex scuole di piazza d’Armi, diventate senza destinazione d’uso da quando è nato il Polo Scolastico che aradunato i plessi con l’ex sindaco Stefano Viglione.

Si tratta di una “proposta di una sede unitaria”, avanzata durante l’incontro di venerdì. La sala Conferenze “Luigi Scimè” ha, per l’occasione, ospitato una nutrita rappresentanza di attori del mondo culturale, sportivo, turistico. Per il Comune erano presenti il vicesindaco ed assessore alle Manifestazioni Luca Olivieri, il presidente del Consiglio comunale Elio Tomatis, l’assessore all’Ambiente Erika Chiecchio ed il capo di gabinetto Gabriele Campora.

«L’assenza di una sede è una problematica riconosciuta e segnalata in numerose occasioni – ha ricordato Tomatis -. L’Amministrazione si è presentata con un programma contenente la proposta di una Casa delle associazioni, con spazi idonei ed una sala riunioni fruibili da gruppi organizzati, ma anche da singoli, interessati a discutere, confrontarsi ed elaborare idee utili alla Città. Bisogna cercare di realizzarla, individuando un contenitore soddisfacente per il maggior numero di realtà coinvolte». C’è anche già un’ipotesi di destinazione, come ricorda Tomatis: “Mondovì è piena di contenitori inutilizzati, molti sono però troppo grandi e vuoti da tempo. Necessiterebbero, perciò, di spese ingenti per la rimessa a norma. L’assessore Olivieri si sta giustamente indirizzando verso un immobile che richieda interventi marginali, valutando l’utilizzo delle vecchie scuole di piazza d’Armi. Ritengo che l’Amministrazione sia anche ampiamente disponibile a considerare altre proposte, qualora formulate

Sul tavolo anche la realizzazione di un calendario condiviso degli eventi cittadini, mediante la creazione di uno spazio dedicato al mondo delle associazioni sul portale internet del Comune, e la ricerca di una soluzione all’assenza in città di un contenitore idoneo ad ospitare convegni o congressi con un consistente afflusso di pubblico. Per ovviare alla problematica si valuta il reperimento di fondi da destinare alla creazione di una nuova struttura o alla definizione di uno spazio adeguato in uno dei numerosi immobili vuoti. L’assessore Chiecchio ha, inoltre, illustrato l’esigenza di regolamentare il gruppo di volontariato civico e l’istituzione degli ecovolontari comunali.

«L’assemblea ha posto le basi per un crescente scambio di informazioni tra le realtà locali - spiega il vicesindaco Olivieri.- Mondovì vanta numerose associazioni ed un patrimonio di circa 150 eventi annuali: contiamo sul nascere di un’effettiva collaborazione. Il Comune s’impegna in un ruolo di coordinamento, contribuendo a stilare un calendario degli eventi in programma ed offrendo supporto per evitare sovrapposizioni»

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
SOCIAL
IL FONDO
Sta passando quasi sotto traccia una questione che per la città di Mondovì è vitale (non è esagerato usare questo agget...