Cerca
Mondovì
2019-10-16
condividi
Alpini: un secolo di amore con Mondovì
Pronti per la 'tre giorni' e domenica la consegna della cittadinanza onoraria da parte del Comune

MONDOVI' - Diventeranno tutti cittadini onorari di Mondovì. E' questa la cifra con cui occorre “leggere” le importanti giornate che le penne nere dedicheranno sabato e domenica alla città, ai monregalesi e a loro stessi. L’occasione sta nei 100 anni, un secolo di vita per la gloriosa Associazione Nazionale Alpini ed il presidente Gianpiero Gazzano, numero della sezione monregalese, con lo staff, è pronto a celebrare con onore la ricorrenza.  “Senso del dovere, attaccamento alle tradizioni, spirito di Corpo, orgoglio degli emblemi che lo caratterizzano, solidarietà fra commilitoni e continuità di(...)

Ulteriori particolari sull'edizione cartacea
alpini mondovì 100 anni onorificenza cittadinanza onoraria
Ceva
2019-10-13
condividi
Il Consiglio comunale ha approvato l’intervento “per la riqualificazione dell'area urbana degradata
Ceva: in via Consolata un nuovo supermercato

CEVA – Venerdì il Consiglio comunale di Ceva ha approvato l’intervento “per la riqualificazione di area urbana degradata in via Consolata”. L’atto rientra nell’iter autorizzativo del progetto che prevede, nel terreno dove oggi sorge il magazzino edile della ditta “Dardanelli”, la realizzazione di tre fabbricati, uno dei quali ospiterà un nuovo supermercato.

“Dopo la legge Bersani del 2006, il potere dei Comuni di regolamentare gli insediamenti commerciali non esiste più – ha precisato il sindaco Vincenzo Bezzone, rispondendo ai rilievi dell’opposizione -. E in questo caso ci è stato chiesto solo di rimodulare la sagoma esistente. Non è previsto aumento del volume e non cambia la destinazione d’uso, commerciale”.

La proposta prevede un fabbricato di 100 metri quadri e, al di là del Bovina, due esercizi commerciali, di 1500 e 1250 metri quadri, di cui uno con finalità alimentari.

“Nelle casse comunali entreranno gli oneri di urbanizzazione, circa 200.000 euro. I costruttori realizzeranno un’area verde attrezzata e metteranno in sicurezza il rio Bovina. Ed abbiamo chiesto che la forza lavoro, circa 20 dipendenti, sia interamente locale”, ha specificato il sindaco.

“Quando un privato decide di investire sul territorio è difficile essere contrari, in particolar modo se prevede la riqualificazione di un’area altrimenti destinata all’abbandono - commenta il direttivo Ascom Ceva -. L’apertura di un nuovo supermercato non può che destare preoccupazione per i commercianti. Le attività cebane hanno l’esigenza di essere maggiormente tutelate. Allo stesso tempo i commercianti cebani hanno dimostrato di saper offrire prodotti e servizi che la grossa distribuzione non è in grado di dare.Bisogna anche tenere conto dei nuovi posti di lavoro, che potrebbero trattenere qualche giovane famiglia a Ceva, che magari in futuro sarà cliente dei nostri negozi”.

 

Ulteriori particolari sull'edizione cartacea
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
SOCIAL
IL FONDO
C’era una persona a me cara che diceva: «Non vado più a votare alle politiche fino a quando non diminuiscono il numero di parlam...