Cerca
Mondovì
2018-06-18
condividi
'Maschere di Afriche lontane':

integrazione, arte e cultura

Prende forma, al Museo della Ceramica, l’idea di cinque migranti in Arte Atelier

MONDOVI’ - Le opere esposte, ottanta tele e 20 tondi da parata in ceramica, sono il risultato da una rete progettuale ideata da Sergio Bruno, presidente di Arte Atelier, grazie alla collaborazione del Museo della Ceramica e con il patrocinio del Comune di Mondovì. Cinque giovani migranti ospiti della cooperativa Isola di Ariel di Lurisia sono stati invitati a produrre opere artistiche che contenessero sia il punto di vista delle loro culture d’origine sia quello della cultura europea. Per aiutarli in questo compito non semplice - quasi una sfida a guardarsi dentro e a restituire frammenti di vita reale - sono state offerte ai ragazzi cicli di lezioni su tela e su ceramica. Mentre Sergio Bruno ha guidato nei locali dell'atelier i ragazzi nella realizzazione di 80 tele dipinte a pennello, il Museo della Ceramica ha organizzato nei locali della sua Unità produttiva, un ciclo di lezioni e incontri didattici su ceramica sulle avanguardie europee, su alcuni modelli di arte classica, sul contributo delle arti africane alla storia dell'arte mondiale. Il percorso su ceramica è stato organizzato e condotto dal professore Raffaele Mondazzi, scultore e per anni docente all'Accademia Albertina di Belle Arti di Torino. « “Contro ogni etnocentrismo e per un’accoglienza dinamica e fattiva, abbiamo ideato e condotto laboratori creativi con libero accesso agli strumenti e alle risorse della nostra sede e di quelle dei nostri partner di progetto – dice Christiana Fissore, direttore del Museo della Ceramica –. Il lavoro che questi giovani migranti hanno portato a termine con prodotti creativi di grande pregio va oltre il gesto artistico, perché in quel gesto hanno dovuto sintetizzare mondi distanti, a volte dialoganti».

Inaugurazione sabato alle ore 16. In mostra fino al 19 luglio.

Ulteriori particolari sull'edizione cartacea
Mondovì
2018-06-18
condividi
Mondovicino outlet village: 'Wake up 2018', anteprima con ‘I Mates’

MONDOVI’ - "Aspettando Wake Up", Mondovicino Outlet Village ospita le anteprime del grande festival di musica e nuove tendenze con artisti di fama nazionale ed internazionale, accomunati dall'utilizzo dei nuovi canali di comunicazione. Si inizierà sabato alle ore 17.30 nella piazza Fontana a Raso di Mondovicino Outlet Village con “I Mates” che dialogheranno con il giornalista musicale Massimo Cotto. Si tratta el gruppo di quattro youtuber che nel giro di quattro anni è riuscito a raccogliere un numero impressionante di follower. Partiti con carriere soliste, oggi sono una squadra basata sulla passione comune per i videogiochi. La loro fama continua a crescere grazie anche ai 12 milioni di follower che li seguono in tutti i loro progetti: video tutorial e parodie su Youtube, esibizioni canore, la stesura del libro “Veri Amici”  che ha venduto più di 150mila copie e anche una propria linea di abbigliamento. Gli youtuber inoltre sono i protagonisti (insieme a Favij e a LaSabri) del film “Social Dream” prodotto da Web Stars Channel, Indiana e Sky in uscita nel 2018.  Anima, St3pny, SurrealPower e Vegas (i nomi on line dei Mates) racconteranno a Massimo Cotto (giornalista, disc jockey e scrittore italiano) come si diventa star del web in così poco tempo. Al talking seguirà un atteso “meet & greet” con i fan.

Mates mondovicino outlet Mondovì
SOCIAL
IL FONDO
Quattro bandiere della Nord Corea e ugual numero con stelle e strisce sullo sfondo, due capi di stato in primo piano: uno con i caratteri orientali...