Cerca
Mondovì
2017-06-27
condividi
Cafè Noir di Mondovì: 'Akoostic Trio' per i giovedì musicali

MONDOVI’ – Ancora un appuntamento da non perdere  con la musica del “Cafè Noir”. Giovedì 29 giugno arriva un gruppo di musicisti che Mondovì conosce bene. In piazza Martiri, a Breo, Alban e il suo staff hanno pensato ad un evento particolarmente “festoso” e in allegria. Dalle 20 si esibirà “Akoostic trio”, gruppo di musicisti che nasce nel 2010, anno in cui inizia a lavorare per definire un repertorio acustico da suonare esclusivamente "live" senza utilizzo di basi o ausili che non siano mani e ugole. Formano il gruppo Attilio Ferrua (chitarra e voce), Marco Golinelli (chitarra e voce), Ferdinando "Kanga" Canavero (basso, foot drum e voce). Il repertorio, ormai collaudato da oltre 60 concerti, spazia da classici pop internazionali (Clapton, Beatles, Eagles ecc...) a cover italiane (Fossati, De Andre', Finardi, ecc....), il filo conduttore è la rilettura acustica dei brani, ripercorrendo la storia della musica. La caratteristica è l'uso sapiente delle tre voci, grazie all’affiatamento maturato dai componenti nella loro militanza comune nei Sixties Graffiti, storico gruppo di Mondovì.

Café Noir mondovì
Monregalese
2017-06-21
condividi
Grazie ad una donna, Caterina d’Asburgo, a fine ‘500

la Madonna di Vico era nota in tutte le corti europee

Figlia del re di Spagna Filippo II, la duchessa ebbe un ruolo decisivo alle origini del Santuario

VICOFORTE - Negli ultimi anni del 1500 il culto della Madonna di Vico era noto in tutte le grandi corti europee. Alzi la mano chi ne era a conoscenza… Merito di una grande figura femminile, Caterina d’Asburgo, figlia di Filippo II re di Spagna - si parla della grande Spagna che dominava in tutto il mondo (siamo cent’anni dopo la scoperta dell’America), una superpotenza paragonabile agli Stati Uniti di oggi.

Del ruolo avuto da Caterina alle origini del nostro Santuario (nel diffonderne la devozione) ha parlato Paolo Cozzo, professore di Storia del cristianesimo e della Chiesa all’università di Torino. L’occasione: il convegno voluto dall’Inner Wheel club Cuneo Mondovì Saluzzo per i suoi 15 anni di vita, sabato mattina a Casa Regina Montis Regalis. Tema, il Santuario fra passato e futuro.

La devozione di Caterina

«Il pilone di Vico si presenta a fine ‘500 come uno dei tanti luoghi di culto mariano – racconta Cozzo -. Dopo che un cacciatore colpisce accidentalmente l’immagine della Madonna, si verificano prodigi, con un numero crescente di fedeli che accorrono con la speranza di una grazia o di una guarigione. Speciale è il rapporto che si instaura con Mondovì ed il potere sabaudo. Speciale è la donna che ci sta dietro, la duchessa Caterina d’Asburgo. Infanta di Spagna - padre è il re Filippo II, padrone del mondo in quegli anni -, nel 1585 sposa il duca di Savoia, Carlo Emanuele I [...]

Ulteriori particolari sull'edizione cartacea
vicoforte storia santuario duchessa caterina savoia
Articolo scritto da:
m.g.
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
SOCIAL
IL FONDO
Colpisce, a Mondovì, la discussione sui social in vista del ballottaggio. Ho letto poche righe di vere analisi sulle cose che l’uno o ...