Cerca
Ceva
2019-03-14
condividi
Gianni Barberis aveva 62 anni - Tecnico radiologo, lavorava all’ospedale di Mondovì
È morto il sindaco di Battifollo,

storico amministratore del paese dal 1990

BATTIFOLLO – E’morto oggi giovedì mattina (14 marzo) Gianni Barberis, storico sindaco di Battifollo, il piccolo centro allo spartiacque tra Valle Mongia e Valle Tanaro. Avrebbe compiuto 63 anni ad aprile. Una notizia che ha scioccato la piccola comunità che progettava con il suo primo cittadino molti iniziative. Aveva un tumore ed ha affrotnato la malattia con coraggio, negli ultimi giorni le sue condizioni si erano aggravate. Entusiasta, profondamente innamorato del suo paese, aveva già comunicato l’intenzione di continuare ad occuparsi di Battifollo da sindaco, candidandosi alle prossime elezioni.

Tecnico di laboratorio al “Regina Montis Regalis”di Mondovì era stato primo cittadino dal 1990 al 2004 ininterrottamente. Saltata una tornata, era stato di nuovo eletto nel 2009, restando in carica fino ad oggi. Sarà il vice sindaco Sergio Odasso, ora, ad occuparsi della macchina dell’amministrazione comunale fino alle prossime elezioni. Era anche stato consigliere provinciale e assessore in Comunità montana.

Negli ultimi mesi Barberis aveva espresso grande soddisfazione per essere riuscito ad ottenere fondi ministeriali (il progetto “6000 campanili”) per finanziare importanti progetti per il paese.

Lascia la moglie Rosi, le figlie Elena ed Erica.

La data dei funerali sono ancora da stabilire, ma potrebbero svolgersi sabato con l’organizzazione della camera ardente in municipio.

Ulteriori particolari sull'edizione cartacea
Battifollo Barberis lutto
SOCIAL
IL FONDO
MONDOVI’– A fine marzo il sindaco di Mondovì Paolo Adriano emanò un’ordinanza che, in sostanza, vieta la vendita al...