Cerca
2018-11-06
condividi
Elezioni provinciali, Borgna rieletto presidente con il 30% dei voti
Pietro Danna, il più votato, sarà il rappresentante del Monregalese

CUNEO - Sono stati proclamati gli eletti nel nuovo Consiglio provinciale. Nelle elezioni di secondo livello (riservate, cioè, a sindaci e consiglieri comunali) si è recato all’unico seggio in corso Dante, nel capoluogo, circa il 30% degli aventi diritto al voto. Il dato era stato del 38% due anni fa: il giorno infrasettimanale e lavorativo, unito alle pessime condizioni meteo, rende l’affluenza simile a quella del 2016. Scontato l’esito (non era previsto nessun quorum): eletti il presidente Federico Borgna e tutti i 12 consiglieri. Rimarranno consiglieri, dunque, Flavio Manavella (68 preferenze), vicepresidente uscente e segretario provinciale del Pd, Milva Rinaudo (97), di Monviso in Movimento, Anna Maria Molinari (66), sindaco di Castelletto Uzzone, Roberto Passone (50), sindaco di Novello e Giorgio Lerda (45), primo cittadino di Caraglio. Oltre a loro, entrano nell’assemblea Rosita Serra (18), consigliere a Fossano, Laura Margherita Porracchia (24), sindaco di Demonte, Simone Alberto di Villanova Solaro (105), il sindaco di Vezza d’Alba Carla Bonino (45), il primo cittadino di Roaschia Bruno Viale (68), Massimo Antoniotti (75), sindaco di Borgomale e Pietro Danna (118).

Il giovane monregalese, consigliere comunale a Monastero Vasco, dunque, è stato il candidato ad avere ottenuto il maggior numero di preferenze assolute (nella cifra individuale ponderata, invece, è appena dietro a Rinaudo e Manavella): un bel segnale di fiducia da parte del vasto territorio monregalese che rappresenterà per i prossimi due anni.

«Ho accolto con grande soddisfazione il risultato di queste consultazioni provinciali – dichiara Danna -, e desidero, pertanto, ringraziare tutti gli amministratori locali che mi hanno sostenuto. L’affluenza dei colleghi della nostra zona è stata buona, a dimostrazione del fatto che il Monregalese ha saputo, ancora una volta, fare squadra. Mi metterò subito a disposizione al fine di recepire al meglio le istanze provenienti dal territorio, con particolare riguardo alle problematiche dei piccoli centri: il lavoro da fare è tanto, specialmente con riguardo al tema della viabilità, ma confido che l’entusiasmo della mia giovane età sia accompagnato dall’esperienza dei colleghi amministratori, con i quali ho già iniziato a confrontarmi».

Articolo scritto da:
m. brer.
SOCIAL
IL FONDO
Qui a Provincia granda dobbiamo ancora decidere a che categoria fare riferimento. Il nostro senso di appartenenza “pende”più dal...