Cerca
Langa
2018-08-07
condividi
Marito arrestato per omicidio:

avrebbe ucciso la moglie fingendo una rapina

Il movente: il vizio del gioco - I fatti accaduti a Govone il 26 giugno scorso

LANGA - Arrestato con l'accusa di omicidio. La notizia è circolata stamattina (martedì) dopo che i carabinieri del Comando Provinciale di Cuneo (Compagnia di Alba e Nucleo Investigativo di Cuneo), in seguito all’attività investigativa coordinata dalla Procura della Repubblica di Asti, hanno tratto in arresto Arturo Moramarco, ritenuto l’autore dell’uccisione della moglie Roberta Personi (54 anni), entrambi di Govone. La donna era stata trovata morta nella sua abitazione nella mattinata del 26 giugno scorso. Era stata in un primo tempo ritenuta vittima di una rapina in abitazione finita male. Secondo il racconto del marito reso agli inquirenti, fu lui a  trovare l’operaia della Ferrero riversa a terra, ormai senza vita. Lui diceva di essere uscito uscito presto per alcune commissioni. Secondo quanto riferito dai carabinieri, la casa è stata trovata in disordine, ma non sembrava mancasse nulla di valore. Non c'erano neppure segni di effrazione.

INel corso della conferenza stampa che si è svolta stamattina al Comando Compagnia carabinieri di Alba, la ricostruzione dei fatti. L'uomo ha chiamato il «112» per segnalare di aver trovato la moglie riversa in salotto senza vita, probabilmente colta da un malore in una casa messa a soqquadro dai ladri. Ma era stato lui a soffocare poco prima la donna, dopo aver litigato per i continui ammanchi di denaro utilizzati dall’uomo per giocare alle slot machine. 

Ulteriori particolari sull'edizione cartacea
omicidio arresto Govone
SOCIAL
IL FONDO
Confesso. Ho atteso prima di scrivere questo commento, perchè nell’immediatezza dei fatti della scorsa settimana temevo di non essere ...