Cerca
Monregalese
2018-06-07
condividi
Nella foto: le liste Michelotti (in alto) e Baravalle
San Michele, domenica si vota: parlano i candidati sindaco Michelotti e Baravalle
Alle urne dalle 7 alle 23 - Una campagna elettorale senza esclusione di colpi - L'INTERA INTERVISTA AI CANDIDATI SULL'EDIZIONE CARTACEA

SAN MICHELE MONDOVÌ - Un “faccia a faccia” senza esclusione di colpi. Domenica a San Michele si vota, dalle 7 alle 23, ed a pochi giorni di distanza, al termine di una campagna elettorale piuttosto accesa, abbiamo intervistato i due candidati sindaco: il primo cittadino uscente Domenico Michelotti (a capo della lista numero 1, Uniti per San Michele) e Donato Baravalle (che guida la lista numero 2, “Noi progetto comune”).

L'INTERVISTA

Cinque anni dopo, la medesima sfida elettorale. Si tratta di una situazione piuttosto particolare, non credete?

Domenico Michelotti: «Per quanto mi riguarda, mi presento come sindaco uscente per “difendere” la continuità. Erano tempi difficili, ma tante cose sono state fatte in questi cinque anni, grazie alla buona volontà e all’aiuto del mio gruppo. Abbiamo portato a casa tutto ciò che era in programma, manca solo il tassello del micronido. Di certo fa strano vedere lo stesso sfidante di cinque anni fa, anche perché fino all’ultimo aveva dichiarato che non si sarebbe presentato».

Donato Baravalle: «Avevo già deciso di ritirarmi, considerata l’età. Ho favorito con Andrea Avagnina una lista di persone giovani e nuove con voglia di fare. Candidarsi è un impegno che va protratto nel tempo (in questi anni l’assessore delegato agli impianti sportivi o in Casa di Riposo non l’hanno praticamente mai visto…): si sono offerti di metterci la faccia a condizione che ci fosse unità. Alla fine, quando si è formata la squadra, hanno detto: è opportuno che ci sia qualcuno che ci accompagni in questa prima esperienza. Commosso, ho accettato».

In quale clima si è svolta la campagna elettorale? Cosa vi sentite di dire al vostro sfidante?

Michelotti: «La campagna elettorale la scorsa volta era stata molto più rispettosa. Con l’avvento dei social, c’è qualcuno che ha il “ditino” facile (ma prima bisognerebe anche azionare il cervello): un conto è dirlo al bar, invece “scripta manent”. Non c’è stato rispetto nemmeno sugli spazi elettorali, in quanto abbiamo trovato i loro manifesti sui tabelloni delle affissioni (dove si mettono pubblicità, annunci funebri…) nelle frazioni. Questa è stata una scorrettezza».

Baravalle: «Da parte nostra è stata una campagna elettorale seria, basata sulla comunicazione delle esigenze nei vari settori. Il sindaco? Credevo fosse una persona trasparente. Faccio un esempio: coloro che sono entrati in lista con Michelotti e facevano parte dei comitati all’epoca, sanno che c’è una richiesta per un progetto di una centrale a biomasse? Al Consiglio non l’ha mai comunicato». 

LE LISTE

Lista numero 1: “Uniti per San Michele”, candidato sindaco Domenico Michelotti

Candidato sindaco: Domenico Michelotti (58 anni, autoferrotranviere, sindaco uscente).

Candidati consiglieri comunali: Giuseppe Carmelo Avico (62 anni, pensionato Valeo), Antonio Avico (63 anni, pensionato Silvateam), Edoardo Bona (50 anni, docente universitario, attuale assessore), Bruna Cometto (62 anni, casalinga), Giacomo Demagistris (27 anni, dipendente Riva Acciaio), Ivana Garelli (49 anni, insegnante), Serena Margherita Ivaldi (64 anni, commerciante), Giorgio Matteo Michelotti (34 anni, imprenditore), Alessio Mollo (41 anni, insegnante, attuale vice-sindaco), Antonella Morra (34 anni, impiegata Coldiretti).

 

Lista numero 2: “Noi progetto comune”, candidato sindaco Donato Baravalle

Candidato sindaco: Donato Baravalle (75 anni, insegnante in pensione).

Candidati consiglieri comunali: Luca Arras (44 anni, impiegato), Andrea Avagnina (55 anni, commerciante), Riccardo Canevari (36 anni, operaio), Ettore Giaccone (59 anni, ex cuoco Casa di Riposo), Franco Montagni (58 anni, ex dipendente comunale), Marina Peirano (52 anni,

operatrice socio sanitaria), Mariangela Raschieri (55 anni, infermiera), Tatiana Revelli (36 anni, contabile), Graziano Robaldo (46 anni, consulente finanziario), Roberta Ruffa (36 anni, barista).

 

Ulteriori particolari sull'edizione cartacea
elezioni san michele intervista domenica voto
Articolo scritto da:
m.g.
SOCIAL
IL FONDO
Qui a Provincia granda dobbiamo ancora decidere a che categoria fare riferimento. Il nostro senso di appartenenza “pende”più dal...