Cerca
Langa
2018-04-28
condividi
Gli allevatori alla vigilia di Anduma e Tas-Tuma:

«La pecora di Langa è il futuro!»

Grande fiera mercato dei prodotti tipici oggi a Murazzano a partire dalle 9,30

Manca poco alla Fiera “Anduma e Tas-Tuma”. Gli allevatori si incontrano per accordarsi sulle ultime cose da preparare e per dividersi i compiti per allestire l’area espositiva. È anche l’occasione per “testare” i piatti che Lorenzo Schellino, cuoco di professione, preparerà al loro punto di ristoro, un modo di far assaggiare la versatilità dei prodotti derivati dalle pecore di Langa. E così, tra un nacho alla fonduta di formaggio di pecora, e un’insalatina “Tas-Tuma”, Valentina Allaria, 22 anni, la più giovane del gruppo, si rivolge al collega Marco Ferrero, più grande di lei di una decina d’anni ma pur sempre tra i giovani allevatori della zona: «Ma lo sai Marco che, ero ancora una bambina, tu avevi cominciato da poco il tuo allevamento, e ti sentivo continuamente dire “La pecora di Langa è il futuro!”. Beh, io quella frase non l’ho mai dimenticata. Ma oggi la pensi ancora così? Che cosa significa per te allevare le “Langhette”?». «Oggi - replica Ferrero - ti dico “Dobbiamo crederci!”. Le difficoltà ci sono. La fauna selvatica, per esempio, è un problema sempre più importante. E non parlo soltanto del lupo, che aggredisce le pecore al pascolo. C’è anche la questione dei caprioli, che sono tanti, sempre di più, e mangiano i foraggi che coltiviamo per i nostri allevamenti e noi abbiamo sempre meno raccolto. E poi ci sono i cinghiali, che sfondano le recinzioni e rovinano i pascoli. Però resta la passione».

«Sì, allevare le pecore non è facile - aggiunge Rocco Gatto, dedito alla Razza di Langa da cinquant’anni, emblema della tradizione dell’associazione Allevatori - Le pecore sono animali particolari. Bisogna saperle trattare, perché possono diventare estremamente testarde. E poi sono abitudinarie. Per esempio arrivano alla mungitura sempre nello stesso ordine. E col fatto che si fanno due mungiture al giorno, se sei da solo è un bell’impegno». «Tutto vero - dice Giuseppe Veglio, allevatore in Bossolasco da alcuni anni -, ma dobbiamo anche dire che il latte di pecora ha una resa per la caseificazione molto elevata rispetto ad altri animali. Per questa ragione è più pregiato. La resa litri di latte/numero di tume è molto buona. Comunque, ritornando alla fiera, ci disponiamo di nuovo sul prato tutti insieme con i nostri stand e i box degli animali vicino?». Franco, il papà di Valentina, è il più pragmatico: «Sì, certo. Però, siccome Anduma e Tas-Tuma sarà il 29 aprile (dalle 9,30 alle 18,30 ndr), ormai manca poco. Chi viene martedì a montare i recinti?». Come dice lo spot, gli allevatori… “si stanno preparando!”.

SOCIAL
IL FONDO
Confesso. Ho atteso prima di scrivere questo commento, perchè nell’immediatezza dei fatti della scorsa settimana temevo di non essere ...