Cerca
Il fondo
2018-04-18
condividi
Innovazione delle menti

Invitato dall’Anci Piemonte, venerdì, ho avuto il piacere di moderare uno degli incontri introduttivi ai “Dialoghi Eula”, l’importante evento di politica nazionale tenutosi a Villavecchia. Nella sala del consiglio comunale di Mondovì, al mio fianco, c’erano tre esperti di “Innovazione nella pubblica amministrazione”. Convinto di coordinare interventi di poco interesse, ho ascoltato, rapito, persone che parlavano di cose non solo affascinanti ed interessanti, ma soprattutto essenziali perché la vita di ogni cittadino migliori nel rapporto con gli enti pubblici e quindi con noi stessi. Esempi di Venezia, Parma e anche della piccola Empoli sono sembrati fantascienza per il grado di qualità della “cosa pubblica” in tema di innovazione digitale e non solo. Poi, dal cloud, sono tornato sulla terra e ci troviamo a trattare un tema locale: tre enti (Comune, Provincia e Procura) dovrebbero dialogare per trovare una soluzione rapida perché una scuola, l’Alberghiero, con centinaia di studenti, diventi di nuovo operativa nella propria sede, dopo la frana che l’ha colpita a dicembre. Altro che “innovation technology”: basterebbero due telefonate! O l’innovazione delle menti.

 

Articolo scritto da:
g. sca.
SOCIAL
IL FONDO
Paradossi della sanità. “Quando un utente piemontese chiama il 112 per un’emergenza sanitaria e vede arrivare al proprio domicil...
VIDEOGALLERY
Nessuna videogallery inserita.