Cerca
2018-01-31
condividi
Sfilano i testimoni in aula, tra cui un tredicenne che ha ammesso di aver comprato hashish da lui
Mondovì, richiedente asilo a processo:

colto in flagranza mentre spaccia ad alcuni minorenni

L'imputato, però, potrebbe non trovarsi più in Italia

MONDOVI’ - I poliziotti tenevano d’occhio un hotel che ospitava profughi perché era stato segnalato un andirivieni di ragazzini che compravano droga. Fu durante uno degli appostamenti che D. S., un richiedente asilo originario del Gambia, ospite in una struttura cittadina, fu arrestato a Mondovì il 13 ottobre 2015. L’uomo è a processo con l’accusa di cessione di stupefacenti, con l’aggravante di averla venduta ad alcuni minorenni. Uno di questi, all’epoca dei fatti poco più che tredicenne, ha raccontato davanti al giudice l’episodio: ”Andai al parco con un amico perché sapevamo che in quel posto c’era gente che vendeva. Comprai mezzo grammo di marijuana da un africano pagandolo 5 euro. Ma appena mi allontanai fui avvicinato dai poliziotti che mi chiesero di fargli vedere il pacchettino che avevo appena preso. Mentre mi stavano portando via, vidi che stavano fermando un uomo, credo che fosse quello che mi aveva appena venduto l’erba”. Uno degli agenti che arrestarono D. S. “Abbiamo prima fermato il ragazzino che aveva appena acquistato la marijuana, poi bloccato il venditore”. Un ventenne, altro cliente dell’imputato: ”Fui fermato dai carabinieri ad un posto di controllo mentre ero alla guida della mia auto. Avevo assunto marijuana. In caserma riconobbi D. S. sull’album fotografico come la persona che mi aveva venduto l’erba un paio di volte”. Altri inquirenti hanno riferito delle telefonate intercorse fra l’imputato e un altro extracomunitario, arrestato a Fossano un mese dopo, nelle quali i due si mettevano d’accordo per il passaggio delle dosi di stupefacenti da vendere. Il processo è stato rinviato per le trascrizioni delle intercettazioni e la loro traduzione. L’imputato potrebbe non trovarsi più in Italia.

Mondovì droga richiedente
Articolo scritto da:
M. Br.
SOCIAL
IL FONDO
Paradossi della sanità. “Quando un utente piemontese chiama il 112 per un’emergenza sanitaria e vede arrivare al proprio domicil...
VIDEOGALLERY
Nessuna videogallery inserita.