Cerca
Il fondo
2017-12-06
condividi
Foto www.ilsitodifirenze.it
L’Arma della bandiera

Chissà se il carabiniere capace di appendere la bandiera di guerra della Kaiserliche Marine, la flotta militare del Kaiser Guglielmo II, in uso sulle imbarcazioni tedesche dal 1903 al 1918, sarà capace, in futuro, di compiere il suo dovere con coscienza. Diciamoci la verità: quanti di noi conoscevano, prima di questo episodio, la vera origine di queste vessillo, poi usato per schivare i divieti sulle insanguinate bandiere e sui simboli del Terzo Reich in Germania? Come spesso accade in questi casi, il problema all’origine del gesto del 25enne di Rieti è culturale. E l’azione improvvida: se appendo una bandiera in una caserma, mi dovrei domandare almeno se è “opportuno” o meno. L’aggravante è che si tratta di uno studente di Storia all’università. I carabinieri che conosco hanno idee politiche precise (di tutti i tipi), ma difficilmente le mettono in piazza, dimostrando capacità di buon senso e di attaccamento ai valori democratici indipendentemente da come votano nel segreto dell’urna. Le teste calde e le trite “mele marce”? Certo, ci sono, come in tutte le professioni. Dovrà essere espulso dall’Arma? Lo giudicherà, probabilmente, un altro carabiniere di grado massimo nella gerarchia militare. Dall’Arma ci si aspetta anche questa capacità di giudizio: se non merita quella divisa sia espulso, ma se è un problema culturale, lo si educhi, insieme ai tre commilitoni che dividevano la stanza con lui.

 

Articolo scritto da:
g.sca.
ULTIME NEWS
Venerdì erano giunte le spoglie della moglie, la regina Elena – Le reazioni, il cerimoniale.
Monregalese
SOCIAL
IL FONDO
Centinaia di persone sorridenti e festanti in una piazza non facile del centro storico di Breo. Non dico che sia possibile organizzare una Babbo Ru...