Cerca
Mondovì
2017-09-10
condividi
Umberto Chiara aveva 81 anni – Impiegato comunale, vice presidente della Fips locale
Mondovì dice addio all’ex vigile

appassionato di pesca sportiva

Il ricordo dell'onorevole Enrico Costa e dei giovani liberali

MONDOVI’ – Sognava di andare a pesca, non appena dimesso dall’ospedale, con il suo nipotino a cui aveva insegnato già tanti segreti della sua passione più grande. Umberto Chiara è morto domenica all’età di 81 anni nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale “Regina Montis Regalis” di Mondovì. Non ce l’ha fatta a superare una crisi cardiocircolatoria avvenuta dopo alcuni giorni di ricovero. Abitava nel quartiere Altipiano, per 20 anni era stato vigile urbano in città, poi economo del Comune e, in seguito, a capo della Ripartizione Autobus cittadina. Era stato a lungo vice presidente della sezione monregalese della Fips, la federazione pesca sportiva, organizzando eventi e gare.

Liberale convinto, era in contatto con molti giovani di quell’area politica a cui aveva trasmesso la passione per l’impegno civico. L’anno scorso era anche stato nominato amministratore della Casa di Riposo “Sacra “Famiglia” di Mondovì, poi una norma aveva costretto a rassegnare le dimissioni a tutti i pensionati che ricoprivano incarichi nelle istituzioni pubbliche di assistenza e beneficenza anche a titolo gratuito.

Lascia la moglie Rosanna e i figli Luigi, Alessandro ed Emanuele. I funerali si svolgono martedì (12 settembre) alle 10 alla chiesa del Sacro Cuore, sull’Altipiano.

Enrico Costa, parlamentare monregalese ha inviato alla redazione n ricordo personale: «Ho appreso con profonda tristezza la notizia della scomparsa dell’amico Umberto. Lo ricordo, quando ancora io ero bambino, partecipare a tante riunioni del Partito Liberale con osservazioni acute, precise, puntuali. Umberto può davvero essere considerato una delle bandiere dei liberali monregalesi ed ancora negli ultimi tempi non esitava, sempre con garbo, ad esprimermi le sue opinioni sull’attualità politica, fornendomi consigli ed idee sempre interessanti. Lascerà un vuoto in tutti noi e soprattutto nei giovani per i quali rappresentava un bell’esempio. Sono vicino ai familiari in questo triste momento».

Lo ricordano anche tre giovani liberali di Mondovì (Pietro Danna, Pietro Meineri e Luca Robaldo, assessore comunale): «Nei giorni della scomparsa di Umberto Chiara vogliamo esprimere il nostro cordoglio e la vicinanza ai famigliari. Per noi giovani di area liberale Umberto ha rappresentato, negli anni, un riferimento di costanza negli ideali. Ricordiamo la sua presenza e il suo contributo alle attività politiche nella storica sede di Palazzo Danna, in Corso Statuto. E soprattutto il sincero affetto, la gioia dei suoi occhi nel vedere tanti giovani dedicarsi agli ideali di cui è stato fiero portatore per tutta la vita. Vogliamo onorarne la memoria tenendo alta la bandiera in cui ha sempre creduto. Confidiamo che, da Lassù, continui a rivolgere a noi tutti il suo sorriso bonario».

 

Ulteriori particolari sull'edizione cartacea
ULTIME NEWS
Mondovì
Aumenti in busta paga per idraulica (prossimo al passaggio alla Raicam) e meccanica
Mondovì
Simposio internazionale, con interventi in contemporanea da tutto il mondo
SOCIAL
IL FONDO
Il tempo e la memoria sono legati da un filo. I filosofi si sono esercitati: è la memoria che dà un senso al tempo, perchè sa ...