Cerca
Mondovì
2017-09-08
condividi
“Wake Up”: vale la pena,

nonostante gli ignoranti

MONDOVI’ – Ieri sera ero al concerto di Ghali, il rapper che inaugurava l’evento “Wake Up 2017” al Parco commerciale Mondovicino. C’erano molti adolescenti e bambini felici di cantare canzoni a me non note per una mancanza mia dovuta ad un gap generazionale rispetto ad un genere che, di solito, non ascolto, pur essendo innamorato, da sempre, della musica. I concerti si assomigliano tutti un po’: ci si va per stare bene, perchè la musica ha questo potere. Di più se le canzoni si sono ascoltate centinaia di volte in privato (meglio in compagnia di amici in carne ed ossa) e poi si ha l’opportunità di vedere il proprio cantante preferito sul palco, a pochi metri. Di qualunque genere musicali si tratti.

Il clima è cambiato all’improvviso: musica che si ferma all’improvviso, luci bianche sul palco e facce spaventate. È accaduto che un imbecille ha pensato di tirar fuori da chissà dove una bomboletta spray che conteneva peperoncino e l’ha diffusa tra il pubblico. Il malessere genera la paura, si trasforma in panico in pochi secondi e ha facile presa su adolescenti, bambini, genitori in apprensione. Questa fase, in realtà, è durata solo dieci minuti in cui l’intervento di sanitari e sicurezza ha rimesso a posto le cose. Il concerto è ripreso, Ghali ha continuato con i successi che ogni ragazzo presente conosceva a memoria. Un episodio, generato più che da un imbecille, da un ignorante, che non sa perchè non conosce il piacere della musica, ma solo il piacere di vedere qualcuno in difficoltà a causa di una sua azione. I carabinieri, che indagano sull’accaduto, stanno visionando le telecamere di sorveglianza per cercare di identificare gli autori della bravata. 

“Wake Up 2017” è una delle manifestazioni più complete e belle che siano mai state organizzate a Mondovì. Si snoda in tre settimane di eventi che non sono solo musica, ma anche cultura musicale perchè sono previsti dialoghi, talk, interviste pubbliche con autori come Gabbani (intervistato da un guru del giornalismo musicale come Massimo Cotto), Il Pagante, Damante (a Mondovicino) ecc. Le serate live hanno artisti del calibro di Rovazzi, Gabbani, Danti, J-Ax e Fedez. Nel genere è il massimo degli esponenti che si possa trovare oggi sul mercato nazionale. Impensabile che un evento di tale livello possa essere rovinato da qualche stupido in cerca di soddisfazione su internet che non ha di meglio da fare che spruzzare spray urticante intorno a sé. L’invito è a partecipare a questa grande festa della musica che si balla e che è capace di coinvolgere anche la città, nonostante gli ignoranti. Sarebbe un peccato non approfittarne. I timori di qualcosa che va storto, in questo periodo così difficile in termini di sicurezza, si combattono anche con la partecipazione, isolando gli imbecilli.

Articolo scritto da:
g. sca.
ULTIME NEWS
Mondovì
Aumenti in busta paga per idraulica (prossimo al passaggio alla Raicam) e meccanica
Mondovì
Simposio internazionale, con interventi in contemporanea da tutto il mondo
SOCIAL
IL FONDO
Il tempo e la memoria sono legati da un filo. I filosofi si sono esercitati: è la memoria che dà un senso al tempo, perchè sa ...