Cerca
2017-05-18
condividi
Si è classificata al primo posto per il premio dedicato alla tutela dell’ambiente
Salone del Libro 2017: la scuola più “green” del Piemonte è il “Cigna ‐ Baruffi – Garelli” di Mondovì

MONDOVI’ – L’Istituto “Cigna ‐ Baruffi – Garelli” è la scuola più “green” del Piemonte. È stata premiata durante la giornata inaugurale del Salone del Libro di Torino premiando le classi “4aCMB, 4aODO” per un progetto realizzato secondo i principi della Green Chemistry, che si propone di effettuare una valutazione di impatto ambientale della produzione di resine acriliche per uso dentale e un’ottimizzazione di processo per il miglioramento della sostenibilità.

Il premio “Incubatori di Green education 2016” della Regione Piemonte ha individuato tredici istituti piemontesi e il “Cigna ‐ Baruffi – Garelli” ha vinto la sezione “L’imprenditorialità è green”, riservato alle scuole secondarie 2° grado. Promuovere l’economia verde, la sostenibilità dei trasferimenti casa/scuola e valorizzare il paesaggio: sono i temi dei progetti in gara per il premio.

Le classi che hanno partecipato all’iniziativa hanno proposto progetti in due aree di lavoro: “L’imprenditorialità è green”, destinata alle scuole secondarie di secondo grado statali e paritarie di tutti gli indirizzi scolastici del Piemonte, per valorizzare esperienze didattiche che rappresentassero percorsi innovativi verso i principi della green economy e della circular economy. L’altra area era “Il paesaggio vien camminando”, destinato alle scuole dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado del territorio afferente alla Città metropolitana di Torino.

Mondovì Salone Libro Garelli green
ULTIME NEWS
Mondovì
Annunciati i primi nomi - Domenica 2 luglio in piazza Ellero
Mondovì
Aumentano, nella Granda, le imprese in “rosa”, aumenta il valore dell’agricoltura
Monregalese
Premi speciali agli studenti di Racconigi, Caraglio, Frabosa Sottana e Branzola (Villanova Mondovì)
SOCIAL
IL FONDO
Un gioco della memoria. Mette di fronte alla realtà degli anni che passano e alla fatidica domanda (di solito con risposte contradditorie): ...