Cerca
Fossanese
2017-05-18
condividi
L’indagine riguarda costruttori e collaudatori
Fossano, crollo del cavalcavia, la procura: «Otto avvisi di garanzia, atto dovuto»

FOSSANO – Ad un mese dal crollo del viadotto della tangenziale di Fossano sull’auto dei carabinieri parcheggiata in via Marene, ci sono i primi avvisi di garanzia. L’indagine non riguarda progettisti, ma costruttori e collaudatori. L’inchiesta è in carico al sostituto procuratore Pier Attilio Stea. Solo per miracolo non ci furono nè feriti, nè morti.

«Il consulente tecnico della Procura, Luca Giordano, ha dato indicazioni su quelle che potrebbero essere state le cause del crollo, ovvero i problemi di carattere costruttivo – ha detto il procuratore capo Francesca Nanni - Per questo motivo, dopo aver aperto un fascicolo contro ignoti, sono stati inviati gli avvisi di garanzia a otto persone che hanno partecipato alla realizzazione del ponte in fase di costruzione e di collaudo. Si tratta di un atto dovuto, oltre che per consentire agli indagati di potersi difendere nei confronti di operazioni e accertamenti irripetibili, anche per non mantenere troppo a lungo l’area sotto sequestro. L’ANAS sta infatti attendendo di poter spostare la parte crollata e di ripristinare quanto prima la viabilità». Il sindaco di Fossano Davide Sordella: «Hanno agito in tempi rapidi e di questo li ringrazio. Tutte le istituzioni coinvolte stanno continuando a lavorare in modo coordinato, mantenendoci informati sulle azioni intraprese e sui risultati conseguiti».

Intanto dovrebbe essere ormai imminente l’inizio delle operazioni di smantellamento del tronco di viadotto della tangenziale È stato stimato che tali operazioni richiederanno circa 20 giorni. 

Fossano cavalcavia avvisi
ULTIME NEWS
Mondovì
L’assessore Chiecchio: «Sgomberi su segnalazione dei cittadini. Presto nuovi cestini»
Mondovì
SOCIAL
IL FONDO
Solo tre su nove firmano il piano del governo per la prima accoglienza in mare. Non è certo un successo. Tra le tre Organizzazioni non Gover...